0 2 min 12 mths

[ad_1]

Demonstrators gathered at the Illinois Capitol in Springfield on Monday to voice their opposition to the Satanic Church installing a statue of the evil “deity” Baphomet.

The American Society for the Defense of Tradition, Family and Property recited the Rosary as the Satanic Church made its own announcement.

“We invite you today to bring wisdom, justice, rationality…equality, tolerance, and passion…” a Satanic Church member said as others chanted “Hail Satan”.

The Satanist group was outnumbered by several Catholic protestors praying on their knees.

The Catholic group had signs reading, “Satan has NO rights!” and “Begone Satan! Mary Crushes the Serpent.”

A statement from the state of Illinois that was placed near the Baphomet display reads, “The State of Illinois is required by the First Amendment of the United States Constitution to allow temporary, public display in the state capitol so long as these displays are not paid for by taxpayer dollars. Because the first floor of the Capitol rotunda is a public place, state officials cannot legally censor the content of speech or displays. The United States Supreme Court has held that public officials may legally impose reasonable time, place and manner restrictions regarding displays and speech, but no regulation can be based on the content of the speech.”

The battle between good and evil is rearing its head and becoming more visible as the planet is ushered toward a great cataclysm.


From the formation of the Federal Reserve Bank & Big Pharma to the Great Reset. America stands at a crossroads.



[ad_2]

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Read also

“COMBATTEREMO L’HIV CON UNA MOLECOLA CHE UCCIDA LE RISERVE DI VIRUS E UN VACCINO A MRNA” SHARE ON: 19 FEBBRAIO 2022 È stata soprannominata “la paziente di di New York“ il terzo soggetto al mondo guarito da Hiv. La terapia sperimentale, testata con successo, utilizza un metodo di trapianto di sangue del cordone ombelicale neonatale e di cellule staminali adulte. Vittorio Colizzi, professore di Immunologia dell’Università di Roma Tor Vergata, Cattedra Unesco di Biotecnologie e Bioetica, uno dei ricercatori più eminenti a livello globale in materia di HIV e Aids, ci racconta cosa pensa del futuro della lotta all’Hiv. FONTE ********** “Alcuni vaccini anti-Covid possono aumentare il rischio di contrarre l’HIV”, intitola così Forbes il 20 ottobre del 2020. I vaccini sono ancora in via di produzione e presto saranno somministrati in massa a centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. C’è una frenesia tale nell’attesa di questi prodotti farmaceutici, da sottovalutare, o meglio negare a priori, ogni possibile rischio che questi farmaci potrebbero manifestare una volta inoculati. Il 3 febbraio 2022 sulla rivista scientifica Science appare un articolo che tratta la scoperta di una nuova variante altamente contagiosa del virus HIV-1 in Olanda. Nessuna correlazione con la vaccinazione di massa? Può darsi, ma facciamo una ricostruzione cronologica di quanto accaduto negli ultimi anni. CONTINUA ********* In Sudafrica è attualmente al centro dell’attenzione della comunità scientifica uno studio per cui l’incrocio tra la pandemia di Covid e quella di Hiv potrebbe “generare nuove varianti“. Un team di scienziati locali sta infatti studiando il possibile legame, che sembrerebbe essere dimostrato da recenti prove, tra il morbo apparso nel 2019 a Wuhan e l’agente patogeno alla base dell’Aids. Il timore dei ricercatori è che l’incrocio dei due ceppi virali possa generare nuove imprevedibili varianti di Covid. A condurre l’indagine sulla collisione tra le due pandemie è il Network for Genomic Surveillance in South Africa (NGS-SA), ossia la rete di laboratori che ha scoperto la variante Omicron. Numerosi luminari attivi nel Network hanno infatti affermato che è giunto il momento per un’indagine “sistematica” su ciò che accade quando i pazienti con Hiv non trattato contraggono il Covid. Le indagini del team sudafricano cercheranno quindi di approfondire quanto già accertato parzialmente da precedenti studi, secondo cui le persone con un sistema immunitario indebolito, come i soggetti sieropositivi, possono soffrire di infezioni persistenti da coronavirus, spesso per mesi. Il Covid prolifererebbe nei loro sistemi immunitari depotenziati e svilupperebbe in continuazione mutazioni dalle caratteristiche imprevedibili e, probabilmente, sempre più resistenti. Alcuni ricercatori del Network ritengono che proprio in questo modo avrebbero finora visto la luce numerose varianti del Covid, compresa Omicron. CONTINUA C’È QUALCOSA DI PIÙ SINISTRO DEL DENARO DIETRO LA MINACCIA DEL “NUOVO HIV”? STANNO GIÀ PREPARANDO LA PROSSIMA “PANDEMIA”? IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. PREVIOUS POST BILL GATES AMMETTE: LA VARIANTE OMICRON HA FATTO UN LAVORO MIGLIORE DEI VACCINI NEL TIRARCI FUORI DALLA PANDEMIA RELATED POSTS CANADA: I CAMIONISTI CONTRO IL COMPLESSO DIGITALE-FINANZIARIO 18 FEBBRAIO 2022 NUOVO RAPPORTO WEF: FAR PROGREDIRE L’AGENZIA DIGITALE: IL POTERE DEI DATI 16 FEBBRAIO 2022 PIUTTOSTO CHE LA ELIMINAZIONE DELLA CO2 – ELIMINARE LE ARMI NUCLEARI ENTRO IL 2045 14 FEBBRAIO 2022 it Italiano